Finanziamenti Edilizia Legge di Bilancio 2019

post
Scritto da Gianni Pasolini il 17-gen-2019 8.52.52

Finanziamenti Edilizia Legge di Bilancio 2019 Sales Factory

Con l’approvazione della nuova Legge di Bilancio 2019 sono stati confermati alcuni interessanti interventi a sostegno dell’edilizia e delle imprese edili.

Vediamo quali sono i punti principali dei finanziamenti e degli incentivi previsti per le imprese edilizie e le

Ristrutturazione edilizia, efficienza energetica e misure antisismiche

Buone notizie per chi intende svolgere interventi di ristrutturazione edilizia e apportare miglioramenti in campo di efficienza energetica entro il 31 dicembre 2019.

E’ infatti stato prorogato l’ecobonus inerente alla detrazione d’imposta del 65% per le spese sostenute a causa di interventi di riqualificazione energetica degli edifici, per un valore di spesa di massimo di 100.000 relativo all’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione agli impianti già esistenti.

E’ invece del 50%  la detrazione d’imposta a saldo di spese sostenute nell’acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale, per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici con classe energetica A+ o superiore.

Anche il campo della ristrutturazione edilizia si avvalerà del 50% di detrazione, con spesa massima di 96.000 euro, mentre per lavori di sistemazione a verde per tutte le aree di pertinenza ad uso abitativo si arriva ad un finanziamento di 5.000 € con detrazione d’imposta del 36% Irpef.

 

Appalti pubblici ed finanziamenti opere pubbliche

E’ di 8,1 miliardi di euro il sostegno verso le regioni a statuto ordinario che avranno la necessità di intervenire con opere pubbliche al fine di risolvere o mettere in sicurezza edifici e territori dissestati o a rischio idrogeologico, mentre sono previsti 400 milioni di euro per i comuni che debbono mettere in sicurezza scuole, edifici pubblici e strade, con richiesta entro il 10 gennaio 2019.

1 miliardo di euro per gli interventi di interventi nel settore idrico, dei quali 60 milioni annui per la sezione “invasi” e 50 milioni per città e province per la messa in sicurezza o ex novo di ponti.

Proroga confermata per gli interventi di riqualificazione urbana inerenti alle opere pubbliche dove fosse stata prevista una sospensione delle attività per cause di forza maggiore, garantendo la possibilità di ultimare i lavori per la stessa durata del fermo cantiere.

 

 

Appalti Pubblici Edilizia 4.0